logo


MASTER DI II LIVELLO

TORINO

 

Anno accademico 2018/19

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE EMOTIVE

 

Pontificia Facoltà di Scienze

dell’Educazione “AUXILIUM” – Roma

Centro Studi Hansel e Gretel Onlus

 

Motivazioni e finalità del Master

Comprendere e potenziare l’INTELLIGENZA EMOTIVA significa arricchire e rivoluzionare la pratica clinica, educativa, sociale, sanitaria, trasformare le dinamiche dei gruppi e i processi organizzativi. Quando la mente abbraccia il cuore si opera un cambiamento vitale nella soggettività, nella professionalità, nell’istituzione. Il Master consente di imparare a trattare con competenza nel lavoro psicologico, sociale, educativo, sanitario con i singoli e con i gruppi, la forza trasformativa delle emozioni, nel rispetto dello specifico ruolo professionale. Permette di acquisire un’ampia gamma di tecniche per potenziare la capacità di ascolto emotivo di sé e dell’altro, per affrontare i conflitti e i problemi, per fare emergere soluzioni, per ottimizzare la comunicazione e il lavoro di gruppo, per migliorare la qualità e l’efficacia dell’intervento di ascolto, di aiuto e di cura, per dare una risposta alla sofferenza dei soggetti più deboli.

Profilo Professionale finale

La figura professionale formata dal Master risulta capace di favorire lo sviluppo dell’intelligenza emotiva nelle persone, nei gruppi e nelle organizzazioni con cui lavora. Tale competenza rappresenta un valore aggiunto alle specifiche professionalità degli operatori e risulta di particolare efficacia nella gestione di tutte le fasi del lavoro di aiuto, di ascolto, di cura.

La gestione e la regolazione delle emozioni e la loro integrazione nell’intelligenza emotiva e sociale rappresentano una prospettiva culturale e professionale che conoscerà una grande espansione nel prossimo futuro, perché le emozioni sono straordinarie risorse per l’individuo e per la società attivabili senza aggiunta di grandi costi ed anzi risparmiando sui costi delle forme attuali di cura della patologia individuale e sociale.

Obiettivi del Master

Comprendere il valore del rispetto di tutte le emozioni e delle emozioni di tutti.

Sviluppare competenze tecniche, relazionali e comunicative sull’intelligenza emotiva.

Riconoscere ed utilizzare il potenziale trasformativo dell’intelligenza emotiva e dell’ascolto attivo ed emotivo nella vita personale e professionale.

Conoscere a fondo le moderne teorie sul funzionamento e sul ruolo delle emozioni.

Padroneggiare i fondamenti della conduzione di gruppo basata sull’intelligenza emotiva, imparando a sviluppare e a gestire le risorse emotive del gruppo, dell’èquipe e dell’organizzazione.

Acquisire strumenti per riconoscere e gestire le dinamiche conflittuali e blocchi comunicativi all’interno del gruppo(formativo, terapeutico, didattico, organizzativo).

ProgrammaL’etica delle emozioni e della consapevolezza. L’infanzia esterna ed interna all’operatore. Le tecniche (intelligenza emotiva, mindfulness, autobiografia, psicodramma…). La conduzione di gruppo. Le istituzioni sociali, sanitarie, scolastiche ed educative e l’intelligenza emotiva (vedi www.cshg.it).MetodologiaLe metodologie utilizzate mirano a far crescere nell’allievo una sana autocentratura, cioè lacapacità di sviluppare la calma, la stabilità, la conoscenza e l’ascolto emotivo di sé mentre si è impegnati nel campo relazionale (soprattutto quando questo campo è sofferto e conflittuale). Si punta ad attivare in modo sinergico le componenti cognitive e affettive, facendo interagire l’approfondimento teorico, l’allenamento emotivo dei partecipanti, la rielaborazione delle loro esperienze professionali, la sperimentazione diretta da parte dei corsisti della conduzione di gruppo e nella comunicazione efficace in pubblico nel rispetto delle emozioni.

Destinatari e requisiti di accesso

Al Master sono ammessi coloro che posseggono la Laurea Magistrale o Specialistica (o la Laurea quadriennale/quinquennale secondo il vecchio ordinamento) in Psicologia, Medicina, Scienze dell’Educazione, Pedagogia, Servizio Sociale e Sociologia, Scienze infermieristiche, Lettere, Giurisprudenza. Possono essere ammessi a partecipare al Corso Master anche i laureati provenienti da altri tipi di Facoltà, come pure quanti posseggono un Diploma di Scuola Secondaria Superiore, purché abbiano un’esperienza almeno triennale di lavoro nel campo psico-socio-educativo. A costoro potrà essere rilasciato solo un Diploma di Qualifica o un Attestato di frequenza.

Articolazione del Master

Il Corso è articolato in moduli tematici, in insegnamenti, giornate esperienziali, studio personale e si conclude con l’elaborazione e la discussione di un project work finale, per complessive 1500 orecorrispondenti a 60 ECTS (European Credit Transfer System) così suddivisi: 8 moduli mensili (venerdì, sabato e domenica) per un totale di 198 ore di lezioni e 777  di studio (39 ECTS); 1 modulo sarà residenziale e comporterà rielaborazione individuale dell’esperienza e attività di pratica meditativa 30 ore nel corso del seminario residenziale e 195 di rielaborazione e pratica (9 ECTS);

La formulazione e la realizzazione di un project work finale sarà proposto e realizzato dal candidato in un ambito istituzionale o professionale concordato con il tutor del corso che affiancherà il corsista nelle fasi di preparazione, realizzazione e verifica con momenti di confronto individuali o in piccolo gruppo per un totale di 300 ore (12 ECTS).

Riconoscimenti in uscita

Il Diploma di Master universitario di II livello è rilasciato dalla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium” di Roma riconosciuto dalla Santa Sede. Agli effetti civili il Diploma di Master ha valore secondo i Concordati, le Legislazioni vigenti nei vari Stati e le norme particolari delle singole Università o Istituti Universitari. Il riconoscimento civile del titolo è sottoposto, pertanto, alla discrezionalità delle singole istituzioni italiane cui viene presentato (il titolo è stato riconosciuto valido in molti concorsi pubblici). I Corsi Master sono validi ai fini della formazione e dell’aggiornamento dei docenti a norma delle Direttive del Ministero della Pubblica Istruzione.

Diploma di Qualifica per coloro che hanno frequentato senza avere il titolo richiesto per un Corso Master o perché hanno un altro titolo di Laurea non affine o sono in possesso solo di un titolo di Diploma di Scuola Secondaria Superiore.

Costi

Per iscrizioni entro il 30 settembre 2018: 1.800,00 Euro + Iva

Per iscrizioni dopo il 30 settembre 2018: 2.050,00 Euro + Iva

Acconto da versare per chi si iscrive entro il 30 settembre 2018 500 euro + Iva all’atto di iscrizione. Dopo il 30 settembre 2018 750 euro + Iva all’atto di iscrizione

Rate successive: seconda rata 500,00 € + Iva entro il 01/03/2019, terza rata 400,00 € + Iva entro il 01/06/2019, quarta rata 400,00 € + Iva entro il 01/09/2019

Informazioni e modalità di ammissione

Inviare richiesta di ammissione a: info@cshg.itentro il 4 marzo 2019.

L’ammissione dei candidati avverrà previa valutazione del curriculum vitae ed eventuale colloquio di approfondimento da parte del direttore del master.

 

Il Master si svolgerà a Torino da marzo 2019 a dicembre 2019.

DocentiPina Del Core (preside Facoltà “Auxilium” Scienze dell’Educazione), Claudio Foti (direttore del Master), Anna Maltese (Direttore del Master), Roberto Bianco, Nadia Bolognini, Lorenza Chinaglia Paola Crosetto, Martina Davanzo, Silvia Deidda, Evelin Ramonda e Franca Vocaturi.

 

PROGRAMMA

Orario di svolgimento lezioni:

Venerdì: 13.30 – 20 

Sabato: 9 – 19

Domenica: 9-17

 

1° MODULO 15, 16 e 17 marzo 2019

L’ETICA DELLE EMOZIONI E DELLA CONSAPEVOLEZZA

Ven. Gestione e sviluppo delle risorse emotive. Premesse etiche, culturali e deontologiche.

Sab. La consapevolezza per integrare e gestire le emozioni: l’integrazione tra competenze tecniche e competenze emotive.

Dom. Lavoro autobiografico ed intelligenza emotiva

L’ispirazione umanistica, universalistica e personalistica dell’intelligenza emotiva

(Pina del Core, Preside della Facoltà Auxilium; Claudio Foti, Direttore del Master)

 

 

2° MODULO 5, 6 e 7 aprile 2019

L’ASCOLTO ATTIVO, L’ASCOLTO EMOTIVO E L’ASCOLTO EMPATICO.

L’ASCOLTO DI SE’ E LA CURA DI SE’.

Ven. Le operazioni mentali dell’ascolto. L’ascolto nell’intervento sociale, educativo, scolastico, sanitario e psicologico.

Sab. Il bambino interiore e l’adulto interiore

Dom. Giornata esperienziale di psicodramma

L’ascolto come Apertura, Accoglienza, Attenzione  e Accettazione.

Mantenere l’ascolto di sé, mentre si ascolta l’altro. L’infanzia di chi vuole aiutare l’infanzia.

(Franca Vocaturi, Claudio Foti)

 

 

3° MODULO 10,11 e 12 maggio 2019

LE EMOZIONI COME RISORSA E L’INTELLIGENZA EMOTIVA

Ven. A che cosa servono le emozioni?  Psicologia e neuroscienze di fronte alle emozioni. Cosa fare per utilizzare, regolare  e sviluppare in modo sano le emozioni?

Sab. L’intelligenza emotiva:  principi,  campi e tecniche. Sviluppare le competenze emotive e le risorse di ascolto

Dom.L’intelligenza emotiva e le sue tecniche

Riconoscere, differenziare, mentalizzare, accettare, esplorare, regolare ed utilizzare le emozioni. Non ci sono emozioni “giuste” o “sbagliate”: Il rispetto di tutte le emozioni e delle emozioni di tutti.

(Martina Davanzo e Lorenza Chinaglia)

 

 

4° MODULO 14, 15 e 16 giugni 2019

SCRITTURA DI SE’ E INTELLIGENZA EMOTIVA PER UNA CRESCITA PERSONALE E PROFESSIONALE

Ven. La scrittura autobiografica per prendersi cura di se’ e degli altri nelle professioni di aiuto 

Sab.L’autobiografia: analisi degli strumenti per sollecitare la memoria e guidare la scrittura

Dom. L’autobiografia clinica

(Roberto Bianco e Anna Maltese)

 

 

5° MODULO 5, 6 e 7 luglio 2019

SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE EMOTIVE ATTRAVERSO LA CONDUZIONE DI GRUPPO

Ven. Le linee guida della conduzione di gruppo

Sab.Conduzione di gruppo con l’intelligenza emotiva sul  tema dell’educazione all’affettività e alla sessualità

Dom. Conduzione di gruppo con l’intelligenza emotiva sulle tematiche del disagio, del conflitto, del bullismo.

(Claudio Foti)

 

6° MODULO RESIDENZIALE 20, 21 e 22 settembre 2019

LA PRATICA DELLA MINDFULNESS,  LO SVILUPPO DELL’ATTENZIONE E DELLA CONSAPEVOLEZZA

Ven. La presenza mentale, l’accettazione e la compassione per gestire la vita emotiva

Sab. La mindfulness e la consapevolezza delle emozioni.

Dom. L’accettazione e la compassione per gestire la vita emotiva 

Sviluppare l’attenzione al momento presente con accettazione, pazienza e benevolenza verso se stessi. La pratica della meditazione sul respiro, sulle sensazioni corporee, sulle percezioni, sulle emozioni, sulle immagini mentali e sui pensieri.

(Claudio Foti)

 

07° MODULO 18, 19 e 20 ottobre 2019

L’INTELLIGENZA EMOTIVA E L’INTERVENTO NELL’AREA SOCIALE, SANITARIA E DELLE COMUNITA’

Ven. Gestione e sviluppo delle risorse emotive nel rapporto con la malattia e il lutto.

Sab. L’intelligenza emotiva e l’esperienza dell’errore, del difetto, dello svantaggio

Dom. Risorse emotive e rischi adultocentrici nella comunità educativa  

(Evelin Ramonda, Paola Crosetto e Silvia Deidda)

 

8° MODULO 15 e 16 novembre 2019

COME AFFRONTARE LE EMOZIONI DISTURBANTI DEL TRAUMA E NON LASCIARE DA SOLE LE VITTIME

Ven. Che cos’è il trauma, i suoi effetti e la sua cura.

Sab. Ascoltare, accettare e rielaborare le emozioni. Il sostegno educativo e sociale al soggetto traumatizzato

Il trauma come ferita dell’anima, come evento estremo, lesivo. Traumi dell’attaccamento e traumi relazionali. La consapevolezza come integrazione di parti scisse del sé

(Nadia Bolognini)

 

9° MODULO 13 e 14 dicembre 2019

PREVENIRE E CONTRASTARE LA VIOLENZA AI DANNI DEI SOGGETTI DEBOLI: LE DONNE E I BAMBINI

Ven. Cultura patriarcale e violenza alle donne

Sab. La formazione permanente all’intelligenza emotiva. Discussione project work

Che cos’è la cultura patriarcale e come si perpetua?

(Franca Vocaturi, Claudio Foti)

  

 

 

 

Per il programma completo consultare il sito: www.cshg.it. Per informazioni rivolgersi alla segreteria del

Centro Studi Hansel e Gretel – Tel. 011 6405537 dal lunedì al venerdì  ore 09:00 – 16:00 – mail info@cshg.it