logo


 

 

 

REGGIO EMILIA: decine di minori abusati. Nessuno se n’è accorto!

ISTITUZIONI E FAMIGLIE SI INTERROGANO.

L’ABUSO SESSUALE ESISTE RICHIEDE ASCOLTO E CURA!

 

4 marzo 2017 – REGGIO EMILIA – Oratorio D. Bosco, via Adua, 79

 

 

 

 

 

 

REGGIO EMILIA: 10 anni di attività ininterrotta di adescamento da parte di un pedofilo. 40 ragazzini e adolescenti vittime accertate, ma molte altre decine coinvolte. Emerge lo spettro di una rete per la commercializzazione di filmati. Nessuna istituzione (scuola, servizio sociale, Ausl, pediatri, parrocchie ecc.) ha mai notato nulla di nulla, genitori in primis. Che l’abuso faccia violenza ai bambini sotto il nostro naso è un’informazione troppo disturbante per essere tollerata. Ma voltarsi dall’altra parte non aiuta. L’abuso sessuale è un carcinoma diffuso che non guarisce da sé. Con molte avvisaglie come l’iperstimolazione sessuale da Internet e con molte metastasi: abuso intrafamiliare, violenze sessuali contro le donne, pedopornografia, prostituzione … Il fenomeno dell’abuso sessuale sui bambini dopo una fase di riconoscimento è andato incontro a reazioni di minimizzazione o rimozione. E’ cresciuta negli ultimi anni attorno all’abuso un vero e proprio negazionismo della violenza sessuale sui bambini: una corrente culturale, che tende a negare la consistenza del fenomeno dell’abuso, a tutelare gli adulti, affermando che l’abuso sessuale è un fenomeno muto ed indimostrabile, con qualsiasi procedura psicologica e sociale. Certo è preferibile attribuire la massa delle rivelazioni che stanno emergendo a distorsioni percettive, a false accuse, piuttosto che ad un fenomeno inquietante, le cui dimensioni obbligano ad una forte messa in discussione. Contro la dimenticanza dell’abuso nasce Rompere il silenzio, una nuova Associazione dalla parte delle vittime spesso dimenticate e perdenti. 5 convegni contro il negazionismo dell’abuso sessuale sui bambini (Reggio Emilia, Torino, Salerno, Pisa, Cagliari) in collaborazione con il Centro Studi Hansel e Gretel che lavora da 25 anni sul fronte della prevenzione e del contrasto alla violenza sui minori.

 

REGGIO EMILIA. Marzo – dicembre 2017 MASTER “GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE EMOTIVE”:

Crescere come esperto di intelligenza emotiva applicata alla relazione di aiuto e alla conduzione di gruppo.

Facoltà Pontificia Auxilium Scienze dell’educazione Centro Studi Hansel e Gretel Onlus

PER INFORMAZIONI: tel. 011.6405537 – www.cshg.it – info@cshg.it

 

 


Un convegno di riflessioni, musica, psicodramma con esperti e vittime

Mattina    h. 9.30 – 13

 

FAMIGLIE E ISTITUZIONI: APRIAMO GLI OCCHI!

Interventi di saluto

  • Il programma di Rompere il silenzio. Ascoltare le vittime dei traumi

 Francesco Monopoli, Vice-presidente Rompere il silenzio

  • Prevenzione e contrasto all’abuso sessuale sui bambini. Il lavoro del Centro Studi Hansel e Gretel

 Silvia Deidda psicologa, Presidente Centro Studi Hansel e Gretel

  • Ascolto, prevenzione e cura dell’abuso

Corrado Zoppi in rappresentanza della Diocesi e del Vescovo

 

CANZONI E TEATRO DI ANDREA COFFARI – TESTIMONIANZE DI VITTIME DI ABUSO (ROSALBA, MARISA) Con la partecipazione artistica di Tiziano Bellelli, Marianna Coffari, Franco Cossu e Mario Costanzi.

 

Relazioni introduttive

Il carcinoma invisibile di una società perversa. Bugie, negazione, negazionismo.

Claudio FOTI, psicoterapeuta direttore scientifico Centro Studi Hansel e Gretel – Torino

Perché i ragazzini ci cascano e gli adulti sono ciechi?

Nadia BOLOGNINI, psicoterapeuta, “La cura” (Bibbiano), direttrice Area evolutiva Centro Studi Hansel e Gretel

Canzoni, emozioni ed abuso sessuale. ATTIVAZIONE PSICODRAMMATICA. Conduce: Claudio Foti

Gli indicatori di abuso e maltrattamento: quando i segnali non bastano mai. Elena Ferrari, Pediatra

 

Pomeriggio h. 14 – 17.30

L’ABUSO SESSUALE ESISTE E RICHIEDE ASCOLTO, PREVENZIONE E CURA

 

Quando la rimozione e l’evitamento interrogano le istituzioni.

Daniela Scrittore, Comune di Reggio Emilia

Squarciare il velo dell’omertà ed imparare ad ascoltare

On. Vanna Iori

Servizio sociale: come aprire gli occhi e tutelare le vittime

Federica Anghinolfi, responsabile Servizio Sociale Val d’Enza – Francesco Monopoli, assistente sociale

Le vittime non ascoltate. Attivazione psicodrammatica. Conduce Claudio Foti

Accettare e ascoltare il disagio dei bambini: servizi e momenti processuali.

Marco Scarpati, avvocato, docente universitario

Perché le vittime di abuso sessuale sono dimenticate e perdenti

Maria Rosa Dominici , psicoterapeuta, Direttivo Rompere il silenzio

L’ascolto umanizzante del bambino vittima di abusi nel contesto sanitario

Maria Stella d’Andrea. medico legale, criminologo clinico

Conclusioni: Gianluca Baldasseroni, avvocato, Direttivo di Rompere il silenzio

 

INGRESSO GRATUITO. Gradita offerta. Iscrizione obbligatoria.

ISCRIZIONI CHIUSE

Per  informazioni rivolgersi al Centro Studi Hansel e Gretel tel. 011.6405537 (orario 09.00 – 16:00 dal lunedì al venerdì) www.cshg.it – info@cshg.it